Indietro
Download

I due temi affrontati dal progetto sono l’ampliamento di un edificio preesistente e il valore simbolico e rappresentativo dello spazio della scuola materna.

 

L’integrazione tra gli edifici è stata ottenuta grazie alla riproposizione degli stessi calibri e allineamenti nei punti di prossimità, e tramite una connessione diretta tra gli spazi comuni, conferendo una via di uscita alla tipologia a turbina tipica delle scuole degli anni '70.

L’edificio è organizzato intorno ad uno spazio comune, la strada, un luogo dove è favorita l’interazione tra i diversi gruppi. Nella strada, costituita da una sequenza caratterizzata da successive contrazioni e dilatazioni degli spazi, intervengono anche elementi di specifico significato architettonico, come nella struttura urbana reale.

Vi sono così aule con forma a capanna, che corrisponde alla primigenia idea di casa, e volumi di diversa foggia e dimensione per le attività di gruppo sul lato opposto, a simboleggiare lo spazio pubblico in rapporto allo spazio privato rappresentato dalle aule.

L’illuminazione naturale proviene dal cielo o dalle pareti, mentre il rapporto visivo con l’esterno privilegia le viste verso gli spazi verdi e la campagna. Un elemento di legame con il contesto è rappresentato dalla torre degli uffici che, con la sua altezza, costituisce un punto di riferimento percettivo dalla media distanza.

La scuola materna, così strutturata, diventa riflesso della società e induce nel bambino una prima idea di socialità e di appartenenza alla comunità locale.

Crediti fotografici Andrea Martiradonna

Leggi di più
Leggi di meno
/
Scuola materna comunale
Close

I due temi affrontati dal progetto sono l’ampliamento di un edificio preesistente e il valore simbolico e rappresentativo dello spazio della scuola materna.

 

L’integrazione tra gli edifici è stata ottenuta grazie alla riproposizione degli stessi calibri e allineamenti nei punti di prossimità, e tramite una connessione diretta tra gli spazi comuni, conferendo una via di uscita alla tipologia a turbina tipica delle scuole degli anni '70.

L’edificio è organizzato intorno ad uno spazio comune, la strada, un luogo dove è favorita l’interazione tra i diversi gruppi. Nella strada, costituita da una sequenza caratterizzata da successive contrazioni e dilatazioni degli spazi, intervengono anche elementi di specifico significato architettonico, come nella struttura urbana reale.

Vi sono così aule con forma a capanna, che corrisponde alla primigenia idea di casa, e volumi di diversa foggia e dimensione per le attività di gruppo sul lato opposto, a simboleggiare lo spazio pubblico in rapporto allo spazio privato rappresentato dalle aule.

L’illuminazione naturale proviene dal cielo o dalle pareti, mentre il rapporto visivo con l’esterno privilegia le viste verso gli spazi verdi e la campagna. Un elemento di legame con il contesto è rappresentato dalla torre degli uffici che, con la sua altezza, costituisce un punto di riferimento percettivo dalla media distanza.

La scuola materna, così strutturata, diventa riflesso della società e induce nel bambino una prima idea di socialità e di appartenenza alla comunità locale.

Crediti fotografici Andrea Martiradonna

I due temi affrontati dal progetto sono l’ampliamento di un edificio preesistente e il valore simbolico e rappresentativo dello spazio della scuola materna.

 

L’integrazione tra gli edifici è stata ottenuta grazie alla riproposizione degli stessi calibri e allineamenti nei punti di prossimità, e tramite una connessione diretta tra gli spazi comuni, conferendo una via di uscita alla tipologia a turbina tipica delle scuole degli anni '70.

L’edificio è organizzato intorno ad uno spazio comune, la strada, un luogo dove è favorita l’interazione tra i diversi gruppi. Nella strada, costituita da una sequenza caratterizzata da successive contrazioni e dilatazioni degli spazi, intervengono anche elementi di specifico significato architettonico, come nella struttura urbana reale.

Vi sono così aule con forma a capanna, che corrisponde alla primigenia idea di casa, e volumi di diversa foggia e dimensione per le attività di gruppo sul lato opposto, a simboleggiare lo spazio pubblico in rapporto allo spazio privato rappresentato dalle aule.

L’illuminazione naturale proviene dal cielo o dalle pareti, mentre il rapporto visivo con l’esterno privilegia le viste verso gli spazi verdi e la campagna. Un elemento di legame con il contesto è rappresentato dalla torre degli uffici che, con la sua altezza, costituisce un punto di riferimento percettivo dalla media distanza.

La scuola materna, così strutturata, diventa riflesso della società e induce nel bambino una prima idea di socialità e di appartenenza alla comunità locale.

Crediti fotografici Andrea Martiradonna

I due temi affrontati dal progetto sono l’ampliamento di un edificio preesistente e il valore simbolico e rappresentativo dello spazio della scuola materna.

 

L’integrazione tra gli edifici è stata ottenuta grazie alla riproposizione degli stessi calibri e allineamenti nei punti di prossimità, e tramite una connessione diretta tra gli spazi comuni, conferendo una via di uscita alla tipologia a turbina tipica delle scuole degli anni '70.

L’edificio è organizzato intorno ad uno spazio comune, la strada, un luogo dove è favorita l’interazione tra i diversi gruppi. Nella strada, costituita da una sequenza caratterizzata da successive contrazioni e dilatazioni degli spazi, intervengono anche elementi di specifico significato architettonico, come nella struttura urbana reale.

Vi sono così aule con forma a capanna, che corrisponde alla primigenia idea di casa, e volumi di diversa foggia e dimensione per le attività di gruppo sul lato opposto, a simboleggiare lo spazio pubblico in rapporto allo spazio privato rappresentato dalle aule.

L’illuminazione naturale proviene dal cielo o dalle pareti, mentre il rapporto visivo con l’esterno privilegia le viste verso gli spazi verdi e la campagna. Un elemento di legame con il contesto è rappresentato dalla torre degli uffici che, con la sua altezza, costituisce un punto di riferimento percettivo dalla media distanza.

La scuola materna, così strutturata, diventa riflesso della società e induce nel bambino una prima idea di socialità e di appartenenza alla comunità locale.

Crediti fotografici Andrea Martiradonna

I due temi affrontati dal progetto sono l’ampliamento di un edificio preesistente e il valore simbolico e rappresentativo dello spazio della scuola materna.

 

L’integrazione tra gli edifici è stata ottenuta grazie alla riproposizione degli stessi calibri e allineamenti nei punti di prossimità, e tramite una connessione diretta tra gli spazi comuni, conferendo una via di uscita alla tipologia a turbina tipica delle scuole degli anni '70.

L’edificio è organizzato intorno ad uno spazio comune, la strada, un luogo dove è favorita l’interazione tra i diversi gruppi. Nella strada, costituita da una sequenza caratterizzata da successive contrazioni e dilatazioni degli spazi, intervengono anche elementi di specifico significato architettonico, come nella struttura urbana reale.

Vi sono così aule con forma a capanna, che corrisponde alla primigenia idea di casa, e volumi di diversa foggia e dimensione per le attività di gruppo sul lato opposto, a simboleggiare lo spazio pubblico in rapporto allo spazio privato rappresentato dalle aule.

L’illuminazione naturale proviene dal cielo o dalle pareti, mentre il rapporto visivo con l’esterno privilegia le viste verso gli spazi verdi e la campagna. Un elemento di legame con il contesto è rappresentato dalla torre degli uffici che, con la sua altezza, costituisce un punto di riferimento percettivo dalla media distanza.

La scuola materna, così strutturata, diventa riflesso della società e induce nel bambino una prima idea di socialità e di appartenenza alla comunità locale.

Crediti fotografici Andrea Martiradonna

I due temi affrontati dal progetto sono l’ampliamento di un edificio preesistente e il valore simbolico e rappresentativo dello spazio della scuola materna.

 

L’integrazione tra gli edifici è stata ottenuta grazie alla riproposizione degli stessi calibri e allineamenti nei punti di prossimità, e tramite una connessione diretta tra gli spazi comuni, conferendo una via di uscita alla tipologia a turbina tipica delle scuole degli anni '70.

L’edificio è organizzato intorno ad uno spazio comune, la strada, un luogo dove è favorita l’interazione tra i diversi gruppi. Nella strada, costituita da una sequenza caratterizzata da successive contrazioni e dilatazioni degli spazi, intervengono anche elementi di specifico significato architettonico, come nella struttura urbana reale.

Vi sono così aule con forma a capanna, che corrisponde alla primigenia idea di casa, e volumi di diversa foggia e dimensione per le attività di gruppo sul lato opposto, a simboleggiare lo spazio pubblico in rapporto allo spazio privato rappresentato dalle aule.

L’illuminazione naturale proviene dal cielo o dalle pareti, mentre il rapporto visivo con l’esterno privilegia le viste verso gli spazi verdi e la campagna. Un elemento di legame con il contesto è rappresentato dalla torre degli uffici che, con la sua altezza, costituisce un punto di riferimento percettivo dalla media distanza.

La scuola materna, così strutturata, diventa riflesso della società e induce nel bambino una prima idea di socialità e di appartenenza alla comunità locale.

Crediti fotografici Andrea Martiradonna

I due temi affrontati dal progetto sono l’ampliamento di un edificio preesistente e il valore simbolico e rappresentativo dello spazio della scuola materna.

 

L’integrazione tra gli edifici è stata ottenuta grazie alla riproposizione degli stessi calibri e allineamenti nei punti di prossimità, e tramite una connessione diretta tra gli spazi comuni, conferendo una via di uscita alla tipologia a turbina tipica delle scuole degli anni '70.

L’edificio è organizzato intorno ad uno spazio comune, la strada, un luogo dove è favorita l’interazione tra i diversi gruppi. Nella strada, costituita da una sequenza caratterizzata da successive contrazioni e dilatazioni degli spazi, intervengono anche elementi di specifico significato architettonico, come nella struttura urbana reale.

Vi sono così aule con forma a capanna, che corrisponde alla primigenia idea di casa, e volumi di diversa foggia e dimensione per le attività di gruppo sul lato opposto, a simboleggiare lo spazio pubblico in rapporto allo spazio privato rappresentato dalle aule.

L’illuminazione naturale proviene dal cielo o dalle pareti, mentre il rapporto visivo con l’esterno privilegia le viste verso gli spazi verdi e la campagna. Un elemento di legame con il contesto è rappresentato dalla torre degli uffici che, con la sua altezza, costituisce un punto di riferimento percettivo dalla media distanza.

La scuola materna, così strutturata, diventa riflesso della società e induce nel bambino una prima idea di socialità e di appartenenza alla comunità locale.

Crediti fotografici Andrea Martiradonna

I due temi affrontati dal progetto sono l’ampliamento di un edificio preesistente e il valore simbolico e rappresentativo dello spazio della scuola materna.

 

L’integrazione tra gli edifici è stata ottenuta grazie alla riproposizione degli stessi calibri e allineamenti nei punti di prossimità, e tramite una connessione diretta tra gli spazi comuni, conferendo una via di uscita alla tipologia a turbina tipica delle scuole degli anni '70.

L’edificio è organizzato intorno ad uno spazio comune, la strada, un luogo dove è favorita l’interazione tra i diversi gruppi. Nella strada, costituita da una sequenza caratterizzata da successive contrazioni e dilatazioni degli spazi, intervengono anche elementi di specifico significato architettonico, come nella struttura urbana reale.

Vi sono così aule con forma a capanna, che corrisponde alla primigenia idea di casa, e volumi di diversa foggia e dimensione per le attività di gruppo sul lato opposto, a simboleggiare lo spazio pubblico in rapporto allo spazio privato rappresentato dalle aule.

L’illuminazione naturale proviene dal cielo o dalle pareti, mentre il rapporto visivo con l’esterno privilegia le viste verso gli spazi verdi e la campagna. Un elemento di legame con il contesto è rappresentato dalla torre degli uffici che, con la sua altezza, costituisce un punto di riferimento percettivo dalla media distanza.

La scuola materna, così strutturata, diventa riflesso della società e induce nel bambino una prima idea di socialità e di appartenenza alla comunità locale.

Crediti fotografici Andrea Martiradonna

I due temi affrontati dal progetto sono l’ampliamento di un edificio preesistente e il valore simbolico e rappresentativo dello spazio della scuola materna.

 

L’integrazione tra gli edifici è stata ottenuta grazie alla riproposizione degli stessi calibri e allineamenti nei punti di prossimità, e tramite una connessione diretta tra gli spazi comuni, conferendo una via di uscita alla tipologia a turbina tipica delle scuole degli anni '70.

L’edificio è organizzato intorno ad uno spazio comune, la strada, un luogo dove è favorita l’interazione tra i diversi gruppi. Nella strada, costituita da una sequenza caratterizzata da successive contrazioni e dilatazioni degli spazi, intervengono anche elementi di specifico significato architettonico, come nella struttura urbana reale.

Vi sono così aule con forma a capanna, che corrisponde alla primigenia idea di casa, e volumi di diversa foggia e dimensione per le attività di gruppo sul lato opposto, a simboleggiare lo spazio pubblico in rapporto allo spazio privato rappresentato dalle aule.

L’illuminazione naturale proviene dal cielo o dalle pareti, mentre il rapporto visivo con l’esterno privilegia le viste verso gli spazi verdi e la campagna. Un elemento di legame con il contesto è rappresentato dalla torre degli uffici che, con la sua altezza, costituisce un punto di riferimento percettivo dalla media distanza.

La scuola materna, così strutturata, diventa riflesso della società e induce nel bambino una prima idea di socialità e di appartenenza alla comunità locale.

Crediti fotografici Andrea Martiradonna

Close
Close
Close
Close
Close
Close
Close
Close
Close
Close
Vedi di più
Play
Play
Pause
Close
Close
Close
Close
Close
Close
Close
Close
Close
Close
Vedi di più
Play
Play
Pause
Close
Close
Close
Close
Close
Close
Close
Close
Close
Close
Vedi di più
Play
Play
Pause
Close
Close
Close
Close
Close
Close
Close
Close
Close
Close

Luogo

Casarile (MI)

Committente

Comune di Casarile

Durata

1996 - 2000

Superficie costruita

900 mq

Luogo

Casarile (MI)

Committente

Comune di Casarile

Durata

1996 - 2000

Superficie costruita

900 mq

Vedi di più

Luogo

Casarile (MI)

Committente

Comune di Casarile

Durata

1996 - 2000

Superficie costruita

900 mq

Play
Play
Pause
Close
Close
Close
Close
Close
Close
Close
Close
Close
Close
Vedi di più
Play
Play
Pause
Close
Close
Close
Close
Close
Close
Close
Close
Close
Close
Vedi di più
Play
Play
Pause
Close
Close
Close
Close
Close
Close
Close
Close
Close
Close
Vedi di più
Play
Play
Pause
Close
Close
Close
Close
Close
Close
Close
Close
Close
Close
Vedi di più
Play
Play
Pause
Close
Close
Close
Close
Close
Close
Close
Close
Close
Close
Vedi di più
Play
Play
Pause
Prossimo Progetto
WTO Headquarter
REQUIRED
Prossimo Progetto
Residenze Liberty
REQUIRED
Prossimo Progetto
Centri Sportivi
REQUIRED
Prossimo Progetto
Residenza Elba
REQUIRED
Prossimo Progetto
Locanda La Raia
REQUIRED
Prossimo Progetto
Paravento Giunco
REQUIRED
Prossimo Progetto
Casa sul Parco
REQUIRED
Prossimo Progetto
Casa di Montagna
REQUIRED
Prossimo Progetto
Borgo Merlassino
REQUIRED
Prossimo Progetto
Villa di Pianura
REQUIRED
Prossimo Progetto
Tavolo OTTO
REQUIRED
Prossimo Progetto
Barricaia
REQUIRED
Prossimo Progetto
Casa sul Tetto
REQUIRED
Prossimo Progetto
Piazza Incontro
REQUIRED
Prossimo Progetto
Mas
REQUIRED
Prossimo Progetto
Vinitaly
REQUIRED
Prossimo Progetto
Piscina Privata
REQUIRED
Prossimo Progetto
Abitare il Lago
REQUIRED
Prossimo Progetto
Lampada Quivi
REQUIRED
Prossimo Progetto
Piscina Comunale
REQUIRED
+