57. PADIGLIONE PESCA E ACQUACULTURA

Milano

Tema 

Padiglione espositivo permanente proposto per area Expo. 

 

Programma 

Esporre in modo coinvolgente e interattivo ma senza la presenza di animali il mondo della pesca e dell’'acquacoltura (dal valore economico al valore nutrizionale), analizzato sotto molteplici punti di vista (arte, etica, epica, luoghi, strumenti). 

 

Scelte progettuali

L'edificio è un padiglione che raccoglie contributi intellettuali e documentari nell'ambito delle conoscenze e dei pensieri sviluppati sul tema della pesca responsabile su scala internazionale, mettondoli in scena. Cinque percorsi/sguardi, separati tra loro e concepiti con ordinamento e allestimento differenti, sono concepiti in modo tale da intersecarsi reciprocamente sia fisicamente che per i contenuti. Tra i percorsi gli spazi liberi sono luogo della messa in scena di racconti. I soffitti sono trasparenti in modo tale da ricevere luce naturale e contemporaneamente poter guardare il lago soprastante e la sua popolazione di pesci in movimento. Il grande lago (poco meno di un ettaro) a quota rialzata domina l'area dell' Expo fornendo un punto di vista privilegiato con portata territoriale. I suoi bordi inclinati costituiscono degli spalti naturali verso le altre installazioni. Piccole imbarcazioni a remi o a energia solare sono a disposizione per navigare. Piccole isole al centro del lago ospitano aree di ristoro. L'’insieme, per dimensione e carattere, si configura come opera di land art.